Myfacemood - Confessioni tra amiche

CAP.3

Arrivai a casa così felice che il cuore mi stava scoppiando di gioia. Mia madre stava preparando la cena e mio padre la stava aiutando…

Entrai in cucina canticchiando e mia madre mi dette un bacio sulla fronte. Mio padre invece si fermò davanti a me e al posto di baciarmi, mi chiese cosa mi fosse successo.

<Niente di veramente interessante…>, risposi…

<Sì sì…>, ribadì lui.

Ma come faceva a intuire sempre tutto quell’uomo? Vabbè…
Corsi in camera, volevo raccontare tutto ad Elisa nella comodità e nella privacy della mia stanza!

Le confessioni tra amiche sono importanti!

<Elisa, non crederai mai a ciò che mi è successo!>, esclamai non appena sentii la sua voce al cellulare!
<Calmati e raccontami tutto>, rispose.

Le raccontai che avevo conosciuto un ragazzo in biblioteca e lei scoppiò a ridere… 😳

<Bhè, cosa c’è di strano?!>, le risposi infastidita!

Un po’ mi scocciava che lei avesse così poca fiducia in me, ma d’altronde come darle torto, prima d’ora non avevamo mai parlato di ragazzi ed i miei interessi erano decisamente concentrati su altri argomenti, ma in quel momento a me sembrava che più che sminuire me, lei stesse sminuendo lui.

E le mie sensazioni erano corrette: <Ma i ragazzi Giulia si incontrano in discoteca o in un pub, immagino che tipo sia questo se lo hai conosciuto in una biblioteca deve essere proprio uno sfigato!>

Non avevo voglia di litigare con lei, così cercai di lasciarmi alle spalle le sue frecciatine e di buttarla sul ridere raccontandogli un po’ di aneddoti divertenti che erano accaduti quel giorno! Oddio… proprio tutto tutto, no!
Ad esempio tralasciai la parte iniziale di come avevo fatto per rompere il ghiaccio, perchè mi avrebbe presa in giro per 1 mese!
Visti gli esordi della telefonata, decisi di non raccontarle però quello che avevo provato di fronte a quel ragazzo e di come per la prima volta mi sentissi così strana dopo quell’incontro, forse quasi come a proteggere quel pomeriggio che già stavo considerando come un qualcosa di soltanto mio!

Mi concentrai a parlarle del suo sorriso contagioso, dei suoi occhi disarmanti… e, devo aver sicuramente esagerato! 😍

Lei alternava momenti di entusiasmo a momenti di silenzio, forse chissà… era confusa di questo mio improvviso cambiamento, oppure era solo un po’ gelosa del fatto che se le cose fossero andate bene tra me e questo ragazzo, di lì a breve non avrei avuto più molto tempo da dedicare a lei, specialmente quando era in crisi con il suo fida…

Quello che mi ricordo però, fu che mi disse che anche il suo tipo frequentava la Facoltà di Architettura e che probabilmente si sarebbero potuti conoscere.
Aggiunse inoltre di fare attenzione ai ragazzi più grandi, perchè lei ci era già passata e sapendo che ero così timida ed a volte ingenua, si comportava come se mi volesse proteggere.
Semmai mi fossi innamorata di un ragazzo più grande, avrei dovuto cambiare molte delle mie abitudini e dei miei pregiudizi sui ragazzi ma, a dirmi questo, c’era già la mia inseparabile “vocina”!

Arrivate a quel punto, non potei rifiutare il suo ennesimo invito a fare presto un’uscita, questa volta a quattro!

E l’idea, adesso, non mi sembrava più così terribile… 💘

<<<CAP.2                                                                                              CAP.4>>>

Contattaci

Per qualsiasi domanda o informazione scrivici, risponderemo nel più breve tempo possibile.

Sending

2018 © Myfacemood Social Network Italiano | Realizzato da  Hogueraweb

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account