Myfacemood - I tatuaggi potrebbero trasmettere dati sulla salute del corpo umano in tempo reale!

Il progetto “DermalAbyss” della ricercatrice Katia Vega del MIT Media Lab, ha individuato la capacità nei tatuaggi di rilevare cambiando colore, i mutamenti nella chimica del corpo, come ad esempio la quantità di zucchero o di sodio nel sangue. Ovviamente non si tratta di normali tatuaggi, ma di speciali tattoo composti da dei biosensori messi al posto dell’ inchiostro tradizionale!

In collaborazione con la Harvard Medical School, Katia Vega ha quindi creato tre diversi tipi di inchiostri biosensori, che nello specifico misurano gli spostamenti di liquido interstiziale nella pelle cambiando colore sulla base dei livelli di glucosio, sodio, o pH nel corpo.

Katia Vega, che attualmente sta aprendo un dipartimento di scienze informatiche presso l’Università di Ingegneria e Tecnologia in Perù, ha sempre creduto fortemente che la pelle avrebbe potuto agire come un nuovo tipo di interfaccia.

Per sette anni ha studiato ciò che lei ha definito la “Tecnologia della Bellezza”, uno studio che unisce insieme i cosmetici e l’elettronica per creare oggetti come il “Blinklifier”, un computer indossabile a forma di copricapo che utilizza l’occhio come un interruttore amplificando i movimenti delle palpebre in una matrice luce visibile tramite dei bio-dati, oppure il “Trucco conduttivo”, dove l’ombretto applicato alle palpebre funge come sensore per controllare il Blinklifier…

Ed infine le “Unghie finte ad alta tecnologia” che riescono ad aprire le porte, permettono di chiamare al cellulare e molto altro ancora… Vedi qui sotto il Video:

Mentre questi progetti sopra citati hanno permesso di interagire con il mondo esterno attraverso diversi tipi di interfacce cosmetiche, iniettando dei biosensori sotto la pelle ha invece aperto a Katia Vega la possibilità di collegare dei processi biologici interni, con delle interfacce esterne!

I tatuaggi potrebbero trasmettere veramente in tempo reale dei dati sulla salute del corpo umano!

Questa applicazione infatti sarà particolarmente interessante nel campo della medicina, ad esempio un paziente diabetico con un tatuaggio biosensore vedrà cambiare il colore del disegno tra il blu e il marrone in base ai livelli di glucosio che ha nel sangue, eliminando così la necessità di farsi molteplici, quotidiane e fastidiose punture al dito con il misuratore di glicemia.

Un tatuaggio biosensore al sodio che si illuminerà sotto la luce UV, potrà essere utilizzato per informare l’utilizzatore del livello di acqua nel corpo, quindi per valutare la disidratazione o l’iperidratazione. I livelli di pH potranno dare informazioni sulla salute in generale, risultando di grande interesse per chi vorrà risolvere disturbi come stanchezza, problemi di peso e dolori articolari.

I tatuaggi biosensori forniranno un rapido mezzo di diagnosi per i medici!

Contattaci

Per qualsiasi domanda o informazione scrivici, risponderemo nel più breve tempo possibile.

Sending

2018 © Myfacemood Social Network Italiano | Realizzato da  Hogueraweb

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account